Attualità Curiosità

FRANKIE 105

Un mese di Frankie Manning 

Maggio è un mese speciale per il mondo dello swing da qualche anno a questa parte: questi trentuno giorni primaverili sono infatti dedicati a Frankie Manning, conosciuto da tutti come l’ambasciatore del lindy hop e scomparso nel 2009, un mese prima del suo compleanno. Oggi, a distanza di tempo, i festeggiamenti per Frankie si tengono ancora, unendo l’anniversario della sua nascita con il World Lindy Hop Day, il 26 maggio prossimo.

FRANKIE MANNING. Nato il 26 maggio 1914 a Jacksonville, in Florida, Frankie si trasferisce all’età di tre anni con la madre a New York; lì, in quella metropoli instancabile e caotica, la musica, la cultura afroamericana, la voglia di ballare scalpitano prepotenti, e Frankie cresce, con le gambe che faticano a stare ferme in quel di Harlem, il quartiere nero che si affaccia alla Swing Era. Frankie ha talento, e poi le band sono eccezionali, ci sono luoghi perfetti ad Harlem per ballare, inventare, sentirsi più liberi. Uno di questi è il Savoy Ballroom, la sua seconda casa dal 1933, forse divenuta la prima in seguito.

Tra gli anni Trenta e gli anni Quaranta, Frankie vive a pieno l’età d’oro del lindy hop, fino ad essere invitato a spartirne le glorie con la crew di ballerini più dotati dell’epoca, i Whithey’s Lindy Hoppers, divenendo coreografo e ideatore di varie swing routine, lindy aerials, e comparendo in varie pellicole con diverse formazioni (Radio City Revels, 1937, e Hellzapoppin’, 1941, solo per citarne un paio). Non da meno sono i suoi tour assieme ai grandi del jazz e dello swing, tra cui Ella Fitzgerald, Duke Ellington, Billie Holiday, Count Basie, Cab Calloway e molti altri.

UNA NUOVA ERA. La Seconda Guerra Mondiale si porta via anche i ballerini, e Frankie si unisce all’esercito americano nel 1943, sulla rotta per il Giappone, le Filippine e la Nuova Guinea. Al suo ritorno, nel 1947, riunisce un suo gruppo di ballerini, i Congaroo Dancers, ma gli anni Cinquanta, il bebop e il rock’n’roll, offuscano il lindy hop e la sua fama, così che le performance di Frankie Manning saranno solamente quelle di un modesto portalettere della U.S. Postal Service. Fino agli anni Ottanta.

Già, perché è in quegli anni che Manning viene riscoperto grazie ai filmati dell’epoca e riprende a ballare. Da quel momento, il lindy hop che oggi noi conosciamo ha raggiunto l’Europa, l’Asia, l’Australia, e Frankie lo ha danzato, insegnato, tramandato, partecipando a numerosi spettacoli, progetti e workshop con personaggi d’eccezione, per riportarne alla luce l’arte, ma anche la sua immensa valenza sociale, e questo, Frankie, lo ha sempre fatto con lo spirito di quel ragazzo che sognava per le strade di Harlem.

#FRANKIE MONTH. Il mese di Frankie, che è maggio, appunto. Lo è perché, come abbiamo scritto, Frankie avrebbe compiuto gli anni il giorno 26, per l’esattezza centocinque anni. Da qualche anno a questa parte, in tutto il mondo, si festeggia l’anniversario della sua nascita ballando, creando motivi di incontro, e celebrando soprattutto l’immenso contributo che Manning ha portato al mondo dello swing e al lindy hop, come insegnante, come icona, come ambasciatore e come persona.

Lo stesso 26 maggio, sarà anche il World Lindy Hop Day, per non farci mancare nulla sulla torta; in occasione di questo periodo commemorativo, la Frankie Manning Foundation incoraggia oggi gli appassionati di tutto il mondo a festeggiare questo evento con il giusto spirito, ma anche e soprattutto con l’energia e la positività che Frankie ci ha voluto tramandare. Tra gli inviti dell’organizzazione, troverete non solo proposte e idee per celebrare questo evento, ma anche la condivisione dei valori veicolati dal lindy hop, tradotti in diverse lingue e di interessante valenza sociale:

Celebrate #FrankieMonth!

  • Party like Frankie! Throw a swingin’ birthday party or a lindy hop dance that Frankie would have enjoyed.
  • Play the music of the Savoy Ballroom and the big bands of the swing era.
  • Hold Frankie Manning inspired dance classes and workshops.
  • Share Frankie videos and stories.
  • Raise funds so that the Frankie Manning Foundation can continue Frankie’s mission.
  • Use the #FrankieMonth hashtag

Here are some ways to celebrate:

  • Throw a swingin’ birthday party or a lindy hop dance in Frankie’s honor.
  • Play the music of the Savoy Ballroom and the big bands of the swing era.
  • Hold Frankie Manning inspired dance classes and workshops. Here’s a great list and here are some helpful videos
  • Share Frankie videos and stories.
  • Raise funds so that the Frankie Manning Foundation can continue Frankie’s mission.
  • Use #FrankieMonth when sharing your plans on social media.
  • Change your profile photo for the month of May to a photo of Frankie, with Frankie, or of your favorite dancing photo.
  • Suit up Swing Style on May 26th – #TheLindyLook
  • Collaborate and make it inclusive within your community.
  • Contact other dancers and local organizers and work together to make it a celebration that unites all dancers in your community.

BUON COMPLEANNO FRANKIE. Inclusione, collaborazione, condivisione, danza, comunità: sono solo alcune parole che ci ricordano quanto ciò che amiamo non è solo un ballo. Vestito di tantissime valenze, il lindy hop e la sua musica sono davvero in grado di riflettere un “modo”, un approccio a vivere il mondo e l’umanità con bellissime scarpe da ballo, perfette anche per compiere tanti passi verso il prossimo. Sempre a tempo, quel tempo che Frankie a volte non voleva contare, ma sentire nel petto, e in quella positività che esprimeva sempre.

Forse, descrivere oggi l’energia e la personalità di questo talentuoso ballerino è un’azione ardua e incompleta, ma lasciateci fare i presuntosi: ci piace credere che, da qualche parte, centocinque candeline stanno per spegnersi all’ombra di un sorriso, quello che Frankie ci ha insegnato a non perdere mai.

 

“Lindy hoppers never die. They just swing out”.

F. Manning

Buon compleanno Frankie.

 

La Fosca 

You Might Also Like